02.35954212 | Orari: Martedì, Giovedì, Venerdì dalle 12 alle 20; Mercoledì dalle 15 alle 20 segreteria@istitutoclinicobrera.it

Chirurgia Vascolare

La Chirurgia Vascolare si occupa della patologia arteriosa, venosa e linfatica

La Chirurgia Vascolare si occupa della patologia arteriosa, venosa e linfatica. In tutte queste condizioni, un’adeguata valutazione è fondamentale per prevenirne l’evoluzione e la comparsa di possibili complicanze. In particolare, l’Ecocolordoppler rappresenta il gold standard per una diagnosi precoce ed un corretto follow up, e per permettere al chirurgo vascolare di instaurare una corretta terapia medica o ricorrere al trattamento chirurgico tradizionale o endovascolare.

La principali patologie arteriose sono rappresentate dagli aneurismi e dalle steno-ostruzioni.

– Gli aneurismi sono costituiti da dilatazioni maggiori al 50% del diametro originario di un’arteria. Tutte le arterie possono essere coinvolte dalla dilatazione aneurismatica, anche se l’aorta addominale rappresenta il distretto più frequentemente interessato. La storia naturale di un aneurisma è rappresentata dalla progressiva crescita del diametro in assenza di sintomi specifici, fino alla rottura.

– Anche le steno-ostruzioni possono coinvolgere tutti i distretti arteriosi, anche se, in relazione alla disabilità che possono condizionare, quelle a livello dei tronchi sovraortici e degli arti inferiori sono quelle clinicamente più importanti. In particolare, le stenosi dell’arteria carotide (arteria che irrora il cervello) possono essere la causa di ischemia cerebrale. Le stenosi a livello degli arti inferiori caratterizzano le arteriopatie obliteranti croniche periferiche (AOCP), il cui sintomo tipico è la claudicatio intermittens, cioè la comparsa di dolore crampiforme durante la deambulazione.

Le più frequenti patologie venose e linfatiche sono costituite da varici, trombosi venosa profonda e superficiale ed il linfedema.

– Le varici sono rappresentate da dilatazione e tortuosità permanente delle vene superficiali degli arti inferiori. Oltre agli evidenti svantaggi estetici, possono costituire un pericolo per la salute della gamba, potendosi complicare con tromboflebiti e/o ulcere.

– La trombosi venosa profonda (TVP) è l’ostruzione di una vena profonda di un arto, da parte di un coagulo di sangue. Essa viene favorita da alcuni fattori di rischio come l’allettamento prolungato, l’immobilizzazione ed alcuni interventi chirurgici. Altri fattori favorenti possono essere gli estro progestinici, alcune patologie sistemiche e le alterazioni congenite dei fattori della coagulazione.

– Per linfedema si intende una condizione, in cui avviene un accumulo anomalo di linfa a livello interstiziale negli arti, che porta allo sviluppo di un edema talvolta irreversibile ed invalidante, a causa dell’evoluzione fibrotica.

Di competenza chirurgica vascolare è inoltre la terapia sclerosante dei capillari e delle varici.

– Per scleroterapia si intende l’iniezione di una sostanza chimica capace di causare l’obliterazione e la successa fibrosi di un vaso, che verrà successivamente riassorbito in circa 20-30 giorni. Il grado di successo di tale trattamento per i capillari può variare tra il 70% e l’80%. In base al tipo ed al numero di vasi da trattare viene stabilito il numero delle sedute, che solitamente si effettuano ad una distanza di circa 10-15 giorni l’una dall’altra.

Presso l’ambulatorio di Chirurgia Vascolare dell’Istituto Clinico Brera vengono erogate le seguenti prestazioni:

  • Prima visita di Chirurgia Vascolare
  • Visite di controllo
  • Visita di Chirurgia Vascolare + Ecografia ulcere
  • Medicazioni ulcere
  • Scleroterapia su capillari
  • Scleroterapia su vene
  • EcoDoppler tronchi sovraortici (TSA)
  • EcoDoppler arterioso arti inferiori
  • EcoDoppler venoso arti inferiori
  • EcoDoppler arterioso arti superiori
  • EcoDoppler venoso arti superiori
  • EcoDoppler aorta e distretti addominali
  • Ecocolordoppler dell’addome inferiore
  • Ecocolordoppler vasi spermatici